FILOWEB.IT

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Curve isofoniche

Sono le curve che descrivono in che modo i suoni vengono percepiti avendo lo stesso ‘volume’ sonoro, al cambiare della loro frequenza e intensità.
Sono rappresentate in un grafico specifico che ha sulle assi delle x la frequenza in Hertz, sull’asse delle y la pressione sonora in dB ‘puri’ non modificati dalla "scala A" e diverse curve, una per ogni ‘volume’ sonoro percepito, misurato in ‘phon’.
Sono grafici molto importanti che permettono di avere un riferimento su come l'orecchio umano reagisca alle diverse frequenze. Sono state ricavate elaborando i dati su un campione statistico sottoposto ad una serie suoni prodotti in una camera anecoica. Tale camera viene disegnata con lo scopo di ridurre al minimo le riflessioni sulle pareti in modo che l'ascoltatore sia raggiunto unicamente dal segnale diretto. Le curve indicano come l'orecchio umano reagisca diversamente alle varie frequenze in termini di intensità sonora percepita. Supponiamo di avere una sorgente sonora in grado di generare onde sinusoidali con frequenza variabile e ampiezza costante. Fissando l'ampiezza per esempio a 80 dBspl noteremmo che un ascoltatore percepisce le basse frequenze come aventi un volume molto basso e man mano che frequenza viene aumentata avrebbe la percezione che anche il volume aumenta (mentre la pressione sonora realmente generata è sempre di 80 dBspl). Questo comportamento si spiega con il fatto che l'orecchio umano ha una percezione diversa dell'intensità sonora al variare della frequenza. Le curve isofoniche sono dette tali in quanto indicano il valore di dBspl necessario per percepire un suono sempre allo stesso volume lungo ogni curva. La frequenza di riferimento per ogni curva è 1KHz e a tale frequenza, il valore di dBspl è pari al valore che identifica una particolare curva e che prende il nome di phon. Per esempio la curva isofonica a 40 phon è quella che a 1 KHz ha un'ampiezza di 40 dBspl. 
Prendiamo per esempio la curva da 80 phon e seguiamola dalle basse verso le alte frequenze. Vediamo che a 20 Hz è necessario produrre una pressione sonora di 118 dBspl e questo ci mostra come l'orecchio umano abbia una minore sensibilità alle basse frequenze. Scorrendo la curva verso le alte frequenze vediamo che affinché l'orecchio percepisca sempre la stessa intensità sonora sono necessari livelli di pressione sonora più bassi. A 1KHz incontriamo il valore di riferimento della curva isofonica che stiamo considerando, dunque 80 dBspl. Oltre questo valore vediamo che la curva ha un minimo in corrispondenza dei 3KHz e vediamo come affinché l'orecchio percepisca sempre la stessa pressione sonora, la frequenza di 3 KHz deve generare 70 dBspl. Confrontando questo valore con quello a 20 Hz notiamo una differenza di circa 50 dBspl in meno, è una differenza enorme. Questo valore di minimo dipende dal fatto che la frequenza di risonanza del canale uditivo è di circa 3 KHz e dunque tale frequenza viene percepita già a bassi valori di dBspl. Oltre i 3 KHz la curva risale mostrando il livello di dBspl necessario per avere la stessa percezione di volume alle alte frequenze. Le curve vengono mostrate per diversi valori di phon in quanto il comportamento dell'orecchio varia ai diversi valori della pressione sonora. Notiamo come per elevati valori della pressione sonora, l'andamento delle curve isofoniche è quasi piatto.
La curva isofonica più bassa di tutte viene denominata soglia di udibilità e indica la più piccola variazione di pressione che l'orecchio è in grado di individuare alle diverse frequenze. Ricordiamo che queste curve sono ottenute elaborando dati statistici e dunque che i valori che stiamo considerando possono avere differenze anche notevoli da individuo a individuo. 


Tags:Suono rumore dB Fisica isofonico phon Hz KHz dBspl

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp
Cerca
Parola:
Log-in:
E-mail: Password:

Lista delle voci

Chi ha inventato l' F-16?
Il Piano Bernadotte
Il falso logo CE
Vegetariani più a rischio per allergie, depressione e tumori
File RAW fotografia
Frequenze della polizia
Nutella
La Sigla A113 (animazione)
Carburante degli aerei
ius primae noctis
Maria Antonietta non invitò il popolo a mangiare brioche
Eva non offrì ad Adamo una mela
Le piramidi non le costruirono gli schiavi
Confondere la genialità con l’intelligenza e la sregolatezza
Disastro del lago Nyos
Kilogrammopeso, Peso, Massa, Newton
Potenza
Che Guevara assassino feroce
GLI ORRORI DEL COMUNISMO
Tesla (Unità di misura)
Forze fondamentali
Fotografie in alta gamma dinamica High Dynamic Range (HDR).
fiscal cliff
Nitroglicerina
Curve isofoniche
Generazione di aerei
La teoria delle stringhe
Subprime
Derivati
La Curva di Laffer o della crescita felice
Teoria economica di Keynes
Caloria
Decibel e suono
Polvere pirica o polvere nera polvere da sparo
Joule
Tassos Isaac
Invasione turca di Cipro
Entanglement quantistico
Muramasa le spade maledette
Masamune e la Honjo Masamune
Differenza tra reazione chimica e reazione nucleare
Tipi di Energia
Olocausto
Il genocidio armeno
Disastro di Bhopal
Centrali eoliche
L'omosessualità è genetica
L'uomo di Piltdown
Isole Senkaku (Diaoyutai)
Relatività generale
Nastro di Möbius
Lo Spread dei titoli di stato
Il gatto di Schrödinger
La mappa non è il territorio
Introduzione alla Semantica Generale
Reagan il miglior presidente, Obama solo quarto
Prima Uovo o Gallina?
Pannelli solari fotovoltaici e inquinamento
Storia debito pubblico Italiano
Irgun
Haganah
Dishonorable Disclosures
Idrogeno come fonte di energia
Sindrome hikikomori o Ragazzi Tartaruga
Conferenza di Madrid
Risoluzione ONU 3379
Esodo ebraico dai paesi arabi

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.