Filoweb.it magazine: We are thinking for you. So you don't have to.

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

We are thinking for you. So you don't have to.

2/8/2017

C'è il declino dell'intelligenza, sia individuale che collettiva. Stiamo perdendo la facoltà di capire, apprendere, giudicare. Siamo meno intelligenti di quanto non lo fossimo quando si studiava fino alla 5° elementare e poi si andava a lavorare. Siamo meno intelligenti perché non esercitiamo più quel muscolo che è il cervello. 
Sissignori il cervello è un muscolo e come tale va esercitato e tenuto in esercizio.
Abbiamo i computer che ci correggono gli errori, suggerendoci a volte anche la frase corretta, e così non sappiamo più usare un dizionario. Ci si affida alle soluzioni già pronte, ai pensieri già elaborati da altri, confezionati pronti all'uso. Apriamo Facebook e troviamo riportate frasi di nostri contatti che ci piacciono, mettiamo un "mi piace" e magari la ripostiamo.

Ma abbiamo mai approfondito se veramente quella persona ha detto quella frase (come se tutte le parole di pace siano state dette da Gandi, quelle di amore da Padre Pio, quelle di rabbia dalla Fallaci)?
Abbiamo mai cercato di capire il contesto socio/politico/storico che contraddistingue quella frase?
Conosciamo la filosofia o i pensieri dell'autore?
No, certo che no, questo implica lavoro, ricerca, tempo, ed il tempo è meglio usarlo per cercare i pokemon anziché la verità.
Abbiamo i mezzi per ampliare la nostra conoscenza, per crescere ma non li usiamo. Internet avrebbe dovuto rappresentare uno strumento unico per accrescere la nostra cultura, invece si sta trasformando nello strumento che distrugge la nostra società.
La libertà di espressione non ha mai raggiunto vette simili, ma questa libertà è abusata da ciarlatani che un giorno si svegliano e creano una pseudoscienza populistica che viene diffusa online.
Una volta si diceva "l'ha detto la televisione quindi è vero!" adesso se una cosa è scritta online e viene ripostata da 10,100, 1000 persone diventa vera anche se non lo è. Creiamo la verità, la conoscenza e la pseudoscienza.
Anche i giornali spesso si affidano ai social network per attingere alle notizie, e poco importa che sia una bufala o meno, poco importa che la verità sia un'altra. Noi la pubblichiamo (noi giornali) la gente la legge, perché è stata postata da 10,100,1000 persone e poi, il giorno dopo o la settimana dopo, postiamo una rettifica, magari a in terza o quarta pagina, una strisciolina piccola, così la verità è stata riabilitata…
È di settembre la notizia che Facebook e Twitter si sono coalizzati nella "First Draft Coalition ", per creare una piattaforma di verifica delle notizie e l'adozione di un codice di condotta.
Ma tutto questo sarebbe inutile se noi stessi ci riappropriassimo della capacita di critica, di saper vagliare il vero. Riscopriamo la facoltà di capire, apprendere, giudicare.
Sforziamoci di ragionare e pensare con la nostra testa senza accontentarci delle soluzioni già confezionate.

La prossima volta che su Facebook trovi una frase che ti piace, prima di condividerla fai i seguenti passaggi:
1) L'autore l'ha veramente detta/scritta?
2) In quale circostanza?
3) È stata estrapolata da una frase più ampia. Cosa voleva dire l'autore?

La prossima volta che leggi una notizia postata da un tuo contatto chiediti:
1) Qual è la fonte della notizia?
2) È una fonte attendibile?
3) Ci sono le prove?
4) Se si tratta di una notizia di scienze è una realtà oggettiva, affidabile, verificabile e condivisibile?

La scelta è tua, ma non lasciare che il cervello ti si atrofizzi. 

We are thinking for you. So you don't have to.

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED

LISTA ARTICOLI

Adesso niente panico
da HTTP a HTTPS
Più Pokemon Go e meno Office?
Hanno vinto ancora...
Per chi dice: «Ormai non mi serve più il pc, faccio tutto con lo smartphone»
I Chatbot non sono Skynet
Polarizzazione del web
We are thinking for you. So you don't have to.
Realtà virtuale e realtà aumentata.
L'importanza di un Ping
Casus Belli
Perchè la Microsoft rimonterà nel mercato dei dispositivi mobili
30 anni fa una piccola rivoluzione
Bentornato windows
Naked iOS
Il pericolo di IE
E' stato superato il test di Turing?
State of the Internet 2014 analisi del Photo Sharing
Demenze giovanili (e non) al tempo di internet
La fuga da Whatsapp
La “culona” Internet e L’NSA
Shodan è motore di ricerca più pericoloso?
Sexting: Difendiamo i minori
Il pericolo delle case Smart
8 APRILE 2014. LA FINE DI XP
ECDL SI EVOLVE, MA SERVE?
Copia personale
Chi copia chi?
Per la libertà informatica dovremmo tornare alle BBS?
(Dis)Informazione al tempo di Internet
Regressione digitale.
Wikipedia e la falsa cultura

ENTRA

 
Email
Password
 

ISCRIVITI

Il principio di questo web magazine è che ognuno può pubblicare quello che vuole. Si possono usare anche pseudonimi ma l' e-mail deve essere reale. Verrai ricontattato per verificare l'identità e la reale e-mail.
Non ci sono limitazioni ne al numero di articoli che un collaboratore può pubblicare ne censure, se non quelle dei termini di servizio e/o la violazione della privacy o dei copywrite.
Si prega inoltre ogni collaboratore di astenersi dall'usare un linguaggio scurrile o volgare quando più possibile.
Ogni utente è responsabile di ciò che pubblica ed ogni accesso viene monitorato con la registrazione della data e dell'ora di accesso e dell'IP.
Questi dati vengono conservati solo al fine di controllare e tutelare l'utente stesso e non vengono diffusi se non su richiesta delle autorità preposte.

ISCRIZIONE COME COLLABORATORE
Nome
Cognome
E-mail
Password

Accetto i Termini del servizio  e la Politica della Privacy.
N.B.: Una volta iscritti il sito memorizzerà il vostro IP e la data di di ogni accesso.

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.