Filoweb.it magazine: Hanno vinto ancora...

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Hanno vinto ancora...

4/10/2017

Un'altra battaglia è stata vinta dai pigri e gli incapaci: i video verticali.
Per lungo tempo si è combattuta una battaglia per dire "No ai video verticali" ma da quando applicazioni per smartphone come Periscope, Snapchat e Meerkat hanno iniziato ad incentivarne, i pigri e gli ignoranti nelle basi delle riprese video si sono sentiti in diritto di stravolgere ogni buon senso (Periscope non dà nemmeno l'opzione per fare riprese orizzontali).
Anche un colosso come Youtube alla fine si è dovuto adattare alla pigrizia di chi non vuole ruotare lo smartphone e a giugno ha iniziato a contrastare le fastidiosissime bande laterali che accompagnano i video verticali con un aggiornamento che adatta i video verticali all'interfaccia: quando un filmato in verticale viene riprodotto non a schermo intero, YouTube ne mostra solo una parte, adattandolo al player e soluzioni analoghe stanno adottando Google e Viemo, dopo aver fatto una grossa comunicazione cercando di far capire agli utenti che i video verticali non sono "comodi" per il web e sopratutto per la classica visualizzazione a schermo, di computer o televisore.

Il solo fatto che si possa girare un video in verticale non vuol dire che si debba farlo. Il problema dei video verticali si presenta quando li guardi su uno schermo diverso da quello degli smartphone: a differenza di una fotografia (che la si può girare) un video non lo si può girare di 90° e quindi sono costretto a mostrare o delle bande nere oppure delle bande sfumate che non sono esteticamente belle. I televisori, i Cinema e anche gli occhi umani sono strutturati per vedere le immagini in larghezza più che in altezza. La maggior parte degli schermi tv o monitor sono addirittura 16:9 ormai e non più 4:3.
Chi si ricorda quanto era brutto in passato vedere un film girato in cinemascope (rapporto 2.35:1) su di un televisore 4/3? Adesso sta succedendo una cosa analoga con i video verticali, quando si cerca di proiettarli su un monitor o un TV normale l'immagine non è adatta!
Evidentemente chi gira questo tipo di video spera che un domani vi saranno televisori o monitor con lo schermo verticale o che si girano (già esistenti sul mercato) ma pensate a quando sia scomodo e soprattutto non ergonomicamente adatto alla morfologia umana… forse con l'ingegneria genetica, secondo queste persone, dovremmo anche rinunciare alla visione binoculare? Il campo visivo umano ha un'ampiezza orizzontale di circa 200° ed un'ampiezza verticale di poco più di 100°, quindi un aspect ratio che va da 1,78:1 (16:9) a 2,33:1 (21:9), è quello che più si adattano alla nostra visione.
Da un punto di vista tecnico, inoltre, un video verticale perde molte "informazioni", ovvero quello che succede intorno al soggetto creando molta "Aria" sopra e sotto, lasciando vedere solo un piccolissimo spicchio della realtà. Le informazioni registrate in verticale rimangono piccole rispetto al formato, dando una visone piccola della realtà. 
Per chi obbietta che "le dirette FB sono solo in verticale" la risposta è semplice: le dirette devono lasciare spazio ai commenti quindi, in realtà, in questo caso la visualizzazione in verticale permette di avere una buona visualizzazione dello schermo, lasciando la parte sotto per i commenti, quindi una questione di impaginazione più che di corretta ripresa.

È vero che è più comodo tenere il telefono in verticale che non in orizzontale (soprattutto per abitudine), e per una ripresa fatta al volo, dove si estrae il telefono e si riprende ha senso; siamo abituati ad usare il telefono in maniera verticale, ma per i video di lunga durata, dove si riprende magari una manifestazione o un evento o anche solamente la recita del figlio, dove cioè la ripresa non è immediata il video verticale non ha motivo di essere.
Purtroppo è vero che con l'aumento delle persone che guardano tutto tramite smartphone il futuro dei video sarà sempre più verticale, ma questo non vuol dire che sia una buona norma o regola da seguire. Cosa succederà il giorno che si tornerà ad usare dispositivi con schermi "normali"? Ma soprattutto ricordate che fare un video verticale non vuol dire fare un buon video. In inglese hanno coniato una terminologia "Sindrome da video verticale" e, con un video semiserio, si dà una spiegazione molto simpatica del fenomeno ( https://www.youtube.com/watch?v=Ko5fFuAZ39o) che invito tutti a guardare.

Concludendo, se anche tu sei stanco di andare sui social o su internet e vedere dei video dove la porzione di inquadratura è minuscola e dove non si vede niente dì NO AI VIDEO VERTICALI

Hanno vinto ancora...

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED

LISTA ARTICOLI

Adesso niente panico
da HTTP a HTTPS
Più Pokemon Go e meno Office?
Hanno vinto ancora...
Per chi dice: «Ormai non mi serve più il pc, faccio tutto con lo smartphone»
I Chatbot non sono Skynet
Polarizzazione del web
We are thinking for you. So you don't have to.
Realtà virtuale e realtà aumentata.
L'importanza di un Ping
Casus Belli
Perchè la Microsoft rimonterà nel mercato dei dispositivi mobili
30 anni fa una piccola rivoluzione
Bentornato windows
Naked iOS
Il pericolo di IE
E' stato superato il test di Turing?
State of the Internet 2014 analisi del Photo Sharing
Demenze giovanili (e non) al tempo di internet
La fuga da Whatsapp
La “culona” Internet e L’NSA
Shodan è motore di ricerca più pericoloso?
Sexting: Difendiamo i minori
Il pericolo delle case Smart
8 APRILE 2014. LA FINE DI XP
ECDL SI EVOLVE, MA SERVE?
Copia personale
Chi copia chi?
Per la libertà informatica dovremmo tornare alle BBS?
(Dis)Informazione al tempo di Internet
Regressione digitale.
Wikipedia e la falsa cultura

ENTRA

 
Email
Password
 

ISCRIVITI

Il principio di questo web magazine è che ognuno può pubblicare quello che vuole. Si possono usare anche pseudonimi ma l' e-mail deve essere reale. Verrai ricontattato per verificare l'identità e la reale e-mail.
Non ci sono limitazioni ne al numero di articoli che un collaboratore può pubblicare ne censure, se non quelle dei termini di servizio e/o la violazione della privacy o dei copywrite.
Si prega inoltre ogni collaboratore di astenersi dall'usare un linguaggio scurrile o volgare quando più possibile.
Ogni utente è responsabile di ciò che pubblica ed ogni accesso viene monitorato con la registrazione della data e dell'ora di accesso e dell'IP.
Questi dati vengono conservati solo al fine di controllare e tutelare l'utente stesso e non vengono diffusi se non su richiesta delle autorità preposte.

ISCRIZIONE COME COLLABORATORE
Nome
Cognome
E-mail
Password

Accetto i Termini del servizio  e la Politica della Privacy.
N.B.: Una volta iscritti il sito memorizzerà il vostro IP e la data di di ogni accesso.

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.