Filoweb: Folland Gnat

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Folland Gnat

Aereo da addestramento avanzato e attacco

Origine: Regno Unito
Motori: 1 Bristol Siddeley Orpheus 701-0 con 20,9 kN di spinta
Prestazioni: Velocità massima 1120 km/h a 6100 m. Autonomia 800 km. Tangenza 14630 m
Armamento: 2 cannoni ADEN calibro 30 mm. Bombe 227 kg. Razzi non guidati da 76 mm
Ruolo: Appoggio, Attacco, Addestramento

Descrizione: Il Folland Gnat era un aereo da addestramento e attacco leggero monomotore turbogetto ad ala a freccia prodotto dall'azienda britannica Folland Aircraft Limited negli anni cinquanta, ed utilizzato in alcune aeronautiche militari mondiali e nelle pattuglie acrobatiche Red Arrows e Yellowjacks.
o sviluppo dello Gnat fu svolto inizialmente per rispondere ad una specifica emessa dalla NATO nel 1956 per la fornitura di un aereo da caccia leggero.
Definito uno "Spitfire a reazione", esso ebbe problemi di messa a punto che gli impedirono di partecipare in tempo utile al concorso, ma in seguito entrò in servizio sia nella RAF (come addestratore) che in Finlandia (13 in tutto), mentre l'India ne ricevette o produsse su licenza 195, impiegati con successo nella guerra nel 1965, quando vennero definiti "Sabre-slayiers" cioè ammazza-F-86.
Con una lunghezza di circa 7,32 metri ed un'apertura alare di 9,7, un peso di circa 3.900 kg al decollo ed un motore Orpheus da 2.200 kg, gli Gnat erano davvero dei mini-caccia, progettati dall'ing. Petter della Hawker, sconcertato dal gigantismo che i moderni jet stavano mostrando (ad esempio l'English Electric Lightning) e dall'incremento dei costi. Lo Gnat è stato prodotto anche in India come HAL Ajeet. Notevoli erano la sua estrema compattezza e la maneggevolezza.
Durante la guerra Indo-Pakistana degli anni '70 il piccolo Gnat indiano si dimostrò superiore ai potenti F-104 Pakistani.

Folland Gnat
Folland Gnat
Folland Gnat

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.