Filoweb: Grumman F9F Panther

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Grumman F9F Panther

Cacciabombardiere imbarcato

Origine: USA
Motori: 1 turbogetto Pratt & Whitney J42-P-6/P-8 con 26,5 kN di spinta con iniezione d'acqua
Prestazioni: Velocità massima 925 km/h. Autonomia 2177 km. Tangenza 13600 m
Armamento: 4 cannoni M2 calibro 20 mm. Bombe fino a 907 kg. Razzi non guidati da 127 mm
Ruolo: Caccia, Appoggio, Attacco

Descrizione: Il Grumman F9F Panther era un caccia-cacciabombardiere monomotore a getto ad ala dritta prodotto dall'azienda statunitense Grumman tra la fine degli anni quaranta e l'inizio del decennio successivo ed impiegato operativamente dalla United States Navy durante la guerra di Corea.
Il Panther rappresentò il passaggio della produzione Grumman dai caccia imbarcati ad elica a quelli a reazione. Durante la guerra di Corea venne accreditato del primo abbattimento da parte di un velivolo della marina, un caccia Yakovlev Yak-9 avversario, venendo largamente impiegato in vari ruoli, dopo che il compito della superiorità aerea venne affidato agli North American F-86 Sabre, di attacco al suolo.
Lo sviluppo del Panther, resosi necessario per riuscire ad essere competitivo con i pari ruolo di produzione sovietica, fu la versione F9F-6, evolutasi talmente dal progetto originale che le fu assegnato un nuovo nome, l'F9F Cougar.
La Grumman avviò degli studi per sviluppare il loro primo velivolo dotato di propulsione a getto iniziarono appena terminata la seconda guerra mondiale. Il prototipo del Panther venne portato in volo per la prima volta il 24 novembre 1947 dal pilota collaudatore Corky Meyer. Il propulsore adottato era un turbogetto J42, il britannico Rolls-Royce Nene prodotto localmente su licenza dalla Pratt & Whitney. Poiché non vi era spazio sufficiente per il combustibile, né all'interno le ali né nella fusoliera, per soddisfare le esigenze del motore, vennero montati in modo permanente dei serbatoi alle estremità alari i quali contribuirono anche ad attenuare il rollio ed a migliorarne le caratteristiche di volo. Il Panther ottenne l'autorizzazione di effettuare voli dalle portaerei nel settembre 1949. Durante la fase di sviluppo la Grumman decise di cambiare il motore con il Pratt & Whitney J48-P-2, una versione prodotta su licenza del britannico Rolls-Royce Tay. Successivamente venne provato anche un Allison J33-A-16, uno sviluppo del Rolls-Royce Derwent.
Dal 1946 venne considerato un nuovo ulteriore sviluppo del velivolo per compensare l'inferiorità palesata nei confronti dei MiG avversari durante gli scontri nei cieli della Corea. Il nuovo modello, il "Design 93" caratterizzato dall'adozione di un'ala a freccia, pur mantenendo la designazione ufficiale F9F del Panther essendone di fatto una versione derivata acquisì comunque un nuovo nome per distinguerlo dal precedente, il Cougar.

Grumman F9F Panther
Grumman F9F Panther

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.