Filoweb: Fouga CM-170 Magister ( Aerospatiale )

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Fouga CM-170 Magister ( Aerospatiale )

Aereo da addestramento avanzato e da appoggio tattico leggero

Origine: Francia
Motori: 2 turbogetti Turbomeca Marboré IIA con 3,9 kN di spinta
Prestazioni: Velocità massima 715 km/h. Autonomia 925 km. Tangenza 11000 m
Armamento: 2 mitragliatrici da 7,62 mm. Fino a 100 kg di bombe o razzi
Ruolo: Appoggio, Attacco, Addestramento

Descrizione: Il Fouga CM-170 Magister era un addestratore a getto prodotto dagli anni cinquanta dall'azienda francese Établissements Fouga et Cie e, dal 1970, dalla Aérospatiale.
Nel dicembre 1950 l'Armée de l'air commissionò 3 prototipi, il primo dei quali venne portato in volo per la prima volta il 23 luglio 1952, i quali furono valutati positivamente. Nel giugno 1953 venne quindi emesso un primo ordine di 10 esemplari di preserie al quale seguì un successivo ordine, emesso il 13 gennaio 1954, per la fornitura dei primi 95 esemplari di serie. Per sopperire alle richieste si ritenne necessario costruire un nuovo stabilimento Toulouse-Blagnac dedicato solamente alla linea di produzione del Magister.
Dotato del caratteristico impennaggio a V con superfici intermedie inclinate a circa 40 gradi, doveva questa particolare soluzione tecnica alle esperienze maturate sul precedente CM-8-15, un aereo sperimentale basato su un aliante al quale era stato applicato un motore a getto.
A causa delle successive acquisizioni ed accorpamenti aziendali il velivolo acquisì una serie di diverse designazioni, dall'originale "CM-170 Fouga Magister" alle successive "Potez (Fouga) CM-170 Magister", "Sud (Fouga) CM-170 Magister" ed "Aérospatiale (Fouga) CM-170 Magister" in base allo stabilimento di costruzione.
Dal Magister venne successivamente sviluppato il CM-175 Zéphir, una versione imbarcata appositamente attrezzata e destinata all'addestramento dei piloti dell'Aviation navale all'appontaggio ed in generale alle condizioni operative tipiche delle portaerei.
Negli anni sessanta venne progettato un ulteriore sviluppo del progetto originale, il CM-173 Super Magister, che dotato di unità propulsive Turbomeca Marboré IV capaci di fornire una maggiore spinta,.
La produzione francese del Magister venne interrotta nel 1962 rimanendo comunque in produzione presso la finlandese Valmet fino al 1967.
Lo sviluppo del velivolo si interruppe quando l'Armée de l'air selezionò il Dassault-Dornier Alpha Jet come loro nuovo addestratore a getto.
Il primo cliente straniero fu la Germania Ovest che emise un ordine per la fornitura di 62 esemplari dalla Fouga ed altri 188 costruiti su licenza dalla Flugzeug Union Süd.
Inoltre il Magister venne prodotto su licenza anche dalla Valmet in Finlandia e dalla Israel Aircraft Industries in Israele, raggiungendo un totale di 929 esemplari costruiti, 286 di questi su licenza.
Il Belgio fu l'ultima nazione a mantenere pienamente operativa la propria flotta di Magister. La Composante air de l'armée belge operò con 50 Magister nel ruolo di addestratori basici, utilizzati inoltre dalla pattuglia acrobatica The Red Devils. Attualmente rimangono in servizio un piccolo numero di Magister mantenuti in condizioni di volo per il personale ufficiale anziano.
La Força Aérea Brasileira operò con 7 esemplari destinati alla pattuglia acrobatica nazionale, la Esquadrão de Demonstração Aérea detta anche Esquadrilha da Fumaça, utilizzati dal 1968 al 1975 e ridenominati T-24.
Tra il 1958 ed il 1959, il governo finlandese decise di acquistare 18 Magister dalla Francia ottenendo contemporaneamente anche una licenza di produzione. La produzione nazionale venne assegnata alla Valmet che costruì 62 esemplari nel periodo 1958-67. Gli esemplari di produzione francese assunsero la designazione ufficiale FM-1...-18 mentre quelli di produzione locale FM-21...-82.
Utilizzati tra il 1958 ed il 1988, i Magister operarono nel ruolo di addestratore nelle scuole di pilotaggio della Suomen ilmavoimat, 21 persi in incidenti di volo 6 dei quali causarono la morte dell'equipaggio.
Nel 1960, con l’acquisizione dell'indipendenza dal Belgio, il regime del governo centrale della neo fondata Repubblica democratica del Congo non venne riconosciuto dalla provincia del Katanga che avviò un movimento secessionista. La minuscola forza aerea a supporto dei secessionisti venne equipaggiata con un ristretto numero di velivoli tra i quali alcuni Fouga Magister.
La ONUC, l'operazione ONU che tra il 1961 ed il 1964 operò in zona allo scopo di salvaguardare la sopravvivenza del nuovo stato del Congo, schierò un reparto svedese dotato di Saab 29 Tunnan ed uno etiopico equipaggiato con North American F-86 Sabre. MIlitarmente il contingente NU si opponeva alla secessione del Katanga, quindi l'aviazione ONUC operò contro i tre Fouga dell'Armée Katangaise, distruggendone due.
L'Aer Chór na hÉireann operò con 6 Magister, 4 dei quali equipaggiarono la Silver Swallows, la pattuglia acrobatica.
L'Heyl Ha'Avir operarò con una versione prodotta localmente su licenza, l'IAI Tzukit. Nel ruolo di aereo da attacco a terra venne utilizzato in azioni belliche durante la Guerra dei sei giorni del 1967 contro i reparti corazzati delle forze armate giordane subendo pesanti perdite.

Fouga CM-170 Magister ( Aerospatiale )
Fouga CM-170 Magister ( Aerospatiale )

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.