Filoweb: FMA IA-63 Pampa

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

FMA IA-63 Pampa

Aereo da addestramento avanzato e da appoggio tattico

Origine: Argentina
Motori: 1 turboventola Garrett AiResearch Honeywell TFE731-2-2N con 15,6 kN di spinta
Prestazioni: Velocità massima 0,78 Mach. Velocità di salita 30,2 m/s. Autonomia 1500 km. Tangenza 12900 m
Armamento: 1 cannone DEFA 554 da 30 mm. Bombe caduta libera: Mk 81, Mk 82
Ruolo: Appoggio, Attacco, Addestramento

Descrizione: L'FMA IA 63 Pampa è un addestratore avanzato con capacità di combattimento, sviluppato e costruito dall'azienda argentina Fábrica Militar de Aviones (FMA) in collaborazione con la tedesca Dornier-Werke GmbH.
Dal punto di vista progettuale, il Pampa fu influenzato dal Dassault-Dornier Alpha Jet. Tuttavia, l'aereo sudamericano differisce per il fatto di essere di dimensioni inferiori, ad ala dritta e monoreattore. Il suo sistema avionico è più semplice dell’aereo franco-tedesco, che ha anche una spiccata vocazione per il combattimento.
Il prototipo del Pampa volò la prima volta il 6 ottobre 1984.
In seguito all’acquisizione da parte della Lockheed-Martin della FMA, il Pampa fu sottoposto ad un aggiornamento di mezza vita. Questo ha riguardato un nuovo motore, un’avionica più avanzata, compatibile con quella dell’A-4AR Fightinghawk ed un carico bellico superiore. Il nuovo aereo, commercializzato dalla Lockheed-Martin, è stato chiamato AT-63 Pampa (addestramento all’attacco), ed ha volato la prima volta alla fine del 2001. L’unico cliente è l’Argentina, che ne ha ordinati venti esemplari di nuova costruzione (12 per le forze aeree ed i restanti per l'aviazione navale), in un’ottica di modernizzazione della flotta aerea. L’AT-63 è stato anche offerto, senza successo, a Colombia, Grecia e Venezuela al prezzo di 6 milioni di dollari l'uno.

FMA IA-63 Pampa
FMA IA-63 Pampa

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.