Filoweb: Armstrong Whitworth AW.660 Argosy

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Armstrong Whitworth AW.660 Argosy

Trasporto strategico

Origine: Regno Unito
Motori: 4 Rolls-Royce Dart RDa.8 Mk 101 da 1820 kW ciascuno
Prestazioni: Velocità di crociera 407 km/h. Autonomia 5552 km. Tangenza 7010 m
Armamento: Nessuno
Ruolo: Trasporto

Descrizione: L'Armstrong Whitworth AW.660 Argosy, in seguito commercializzato come Hawker Siddeley Argosy, era un quadrimotore turboelica da trasporto ad ala alta sviluppato dall'azienda britannica Armstrong Whitworth Aircraft nei tardi anni cinquanta e prodotto, oltre che dalla stessa, dalla Hawker Siddeley che gli succedette nei primi anni sessanta.
L'Argosy era un quadrimotore turboelica ad ala alta adatto al trasporto tattico pesante ed impostato su di una struttura simile al C-82/C-119, ovvero con doppia trave di coda per consentire la presenza di un portellone di sulla parte posteriore della fusoliera.
L'Argosy nasce dalla risposta all'Operation Requirement 323 (OR323) studiata dall'Air Ministry britannico che ha originato una specifica, rilasciata nel 1955, per un aereo da trasporto della classe delle 25 000 lb di carico e che avesse un'autonomia di 2 000 nm (3 700 km) con 10 000 lb (4 500 kg). Per soddisfare le esigenze della specifica la Armstrong Whitworth progettò un bimotore per uso militare, l'AW.66, sviluppato anche per il potenziale mercato civile con la denominazione AW.65. Nel 1957 a causa della mancanza di fondi disponibili per la difesa il programma venne bloccato ma la Armstrong Whitworth aveva già modificato il progetto civile in un quadrimotore.

Armstrong Whitworth AW.660 Argosy
Armstrong Whitworth AW.660 Argosy
Armstrong Whitworth AW.660 Argosy

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.