Filoweb: Fairchild C-123 Provider

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Fairchild C-123 Provider

Trasporto tattico

Origine: USA
Motori: 2 motori radiali Pratt & Whitney R-2800-99W, 2 turbogetto General Electric J85-GE-17A
Prestazioni: Velocità massima 394 km/h. Velocità di crociera 330 km/h. Tangenza 8838 m
Armamento: Nessuno
Ruolo: Trasporto, Trasporto Tattico

Descrizione: Il Fairchild C-123 Provider era un bimotore da trasporto tattico ad ala alta prodotto principalmente dall'azienda statunitense Fairchild Aircraft durante gli anni cinquanta e sessanta.
Utilizzato principalmente dall'United States Air Force (USAF) durante la guerra del Vietnam restò in servizio anche dopo il conflitto in diverse aeronautiche militari mondiali.
Il C-123, nella sua versione tipica C-123B, era un aereo da trasporto tattico, con una struttura che è stata presa a lungo come modello per i successivi aerei tattici. La struttura era in lega leggera, la ali erano ad alto allungamento, di struttura semplice, a pianta rettangolare anche se con leggero angolo sia in entrata che in uscita. Le ali erano sistemate in posizione alta sulla tozza fusoliera, che era caratterizzata da un tozzo muso e una lunga coda, con la fusoliera marcatamente rialzata nel settore posteriore. Questo terminava con un piano di coda orizzontale, e uno verticale, alto e con un lungo bordo d'attacco per migliorare la stabilità.
Il vano di carico poteva trasportare 7,2 tonnellate e poteva trasportare sia personale che materiali pesanti, grazie alla rampa di carico posteriore.
I motori, la principale differenza rispetto agli alianti che erano la specialità della C.A.C., erano due radiali Pratt & Whitney R-2800 da 2500 cavalli, muniti di elica tripala metallica a passo variabile.
I C-123 furono degli aerei assolutamente tipici della Guerra del Vietnam, dove diedero il meglio di sé. I loro compiti erano quello di trasporto tattico, per i quali la loro semplicità e la robustezza erano doti apprezzate. D'altro canto, i motori radiali non davano un buon rapporto potenza peso e il problema venne risolto grazie ai 2500 kg di spinta dei due2 turbogetti; ma questo era solo un passaggio intermedio verso la vera soluzione, l'adozione di motori turboeliche (che sono un ibrido dei due tipi precedenti di motori).
In Vietnam operò anche la versione UC-123K, armato dell' Agent Orange defoliante alla diossina con cui intere foreste furono devastate per togliere "copertura" ai Vietcong. Attualmente, foreste e popolazioni stanno ancora pagando l'effetto delle migliaia di tonnellate di tali prodotti tossici allora usati per scopi bellici.
Durante la guerra le migliaia di ore di volo ridussero presto la vita utile dei C-123B, e così pochi esemplari erano ancora operativi al termine della stessa. Alcuni, tuttavia, erano ancora in servizio con alcuni reparti della Air Force Reserve ai primi anni ottanta.
I C-123 vennero anche usati per altri compiti: alcuni, come tutti gli altri trasporti tattici della guerra vennero armati con funzioni di cannoniera volante, ma di essi si conosce molto poco. Altri erano gli NC-123K, equipaggiati di radar, sensori TV ed altro ancora per cercare di trovare il nemico durante gli spostamenti notturni.
C-123 venne pensato inizialmente con il nome di MS-Avitruc ("Camion dell'aria") dalla C.A.C., specializzata in alianti d'assalto e trasporto. Presto il nome venne cambiato in XC-123, e da qui il mezzo decollò per la prima volta nell'ottobre 1949. Ma passarono altri tre anni, molti per l'epoca, prima che l'USAF lo prendesse in considerazione come aeroplano da trasporto leggero e ne ordinò 5 esemplari.
Ma l'incapacità della ditta originaria di soddisfare in fretta tale ordine fece passare il progetto alla Fairchild, che alla fine del 1953 assunse il comando del programma. Alla fine di una fase di sviluppo, che vide l'allungamento della coda con una pinna dorsale di grandi dimensioni, il C-123 volò finalmente nella sua forma definitiva nel 1954.
Il nuovo aereo venne ordinato in 302 esemplari destinati al TAC (Tactical Air Command).

Fairchild C-123 Provider
Fairchild C-123 Provider

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.