Filoweb: Antonov An-72

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 

Antonov An-72

Trasporto tattico

Origine: URSS
Motori: 2 turboventole ZMKB Progress D-36 da 63,74 kN di spinta ciascuna
Prestazioni: Velocità massima 705 km/h. Velocità di crociera 550 km/h. Autonomia 4800 km. Tangenza 10000 m
Armamento: Nessuno
Ruolo: Trasporto

Descrizione: L'Antonov An-72 è un bimotore turboventola da trasporto tattico ad ala alta progettato e sviluppato in Unione Sovietica negli anni settanta.
L'An-72 è un velivolo da trasporto ad ala alta caratterizzato dalla particolare posizione dei motori.
Al fine di migliorare le capacità STOL del modello, i gas di scarico delle turbine soffiano sulla parte superiore dell'ala che, grazie all'effetto Coandă, generano un aumento della velocità del flusso sul dorso del profilo aumentando di conseguenza la spinta verso l'alto.
Altre caratteristiche salienti sono la rampa posteriore per l'imbarco delle merci ed un carrello d'atterraggio molto resistente, in grado di operare su qualsiasi tipo di terreno. L'aereo è stato concepito per il trasporto militare tattico e dimensionato per il trasporto degli automezzi militari come la GAZ-66 e l'UAZ 469.
L'An-72 è stato concepito anni settanta per sostituire l'aereo da trasporto militare An-26. Il primo prototipo dell'An-72 venne portato in volo per la prima volta il 31 agosto 1977, ma la piena operatività dei primi otto modelli prodotti (ed ampiamente modificati rispetto al progetto originario) non arrivò che circa dieci anni dopo, nel dicembre 1985. Di questi otto esemplari, due erano stati modificati appositamente per operare in condizioni climatiche estreme nelle regioni della Russia del Nord e del Polo Nord ed erano stati poi denominati Antonov An-74. La produzione di An-72/An-74 continua tuttora con un gran numero di varianti.

Antonov An-72
Antonov An-72
Antonov An-72

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp RSS FEED
Cerca
Parola:

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.