FILOWEB.IT: Un'altra piccola Venezia
Comacchio(fe)

 
Home Menu Gallery Roberto Contatti
 
Comacchio (fe)

Un'altra piccola Venezia

«... e la città ch'in mezzo alle piscose paludi, del Po teme ambe le foci, dove abitan le genti disiose che 'l mar si turbi e sieno i venti atroci. » (Ludovico Ariosto, Orlando furioso, III, 41)

Comacchio è il centro storico più originale ed affascinante nel Parco Delta del Po. 
Erede dell'antica Spina, a lungo contesa da ferraresi e ravennati, da Papi e Imperatori, ha origini antichissime: i primi insediamenti, non autoctoni, risalgono al VI sec. a. C.
Pesca, vallicoltura, produzione del sale furono la fonte della sua floridezza e anche dei suoi rovesci, a causa dei conflitti che la opposero a Venezia.
Dopo l'epoca estense, durante il dominio dello Stato Pontificio, la città rinacque, tanto che i più felici interventi architettonici e monumentali risalgono proprio al Sei-Settecento.
Per arriare a Comacchio il metodo più comodo è sicuramente tramite in auto: per chi viene da fuori prendere la A13 uscita Ferrara Sud, quindi ilraccordo autostradale Ferrara- Porto Garibaldi (una lunga strada che sembra non finire mai).
Per chi piace mangiare il pesce le specialità sono l'Anguilla delle Valli di Comacchio e le Acquadelle marinate.

Il centro storico di Comacchio è suggestivo e sembra di essere in una piccola Venezia.
La basilica di San Cassiano è la chiesa principale di Comacchio, la struttura attuale è quella dovuta alla  ricostruzione fatta nel  1740 quando si decise di demolire la vecchia chiesa (del 708) per ricostruirla.
Il complesso architettonico dei Trepponti è il simbolo più famoso della città. Chiamato anche Ponte Pallotta, venne edificato intorno al 16338 ed era la porta fortificata della città per chi proveniva dal mare lungo il canale navigabile.
La volta del Trepponti funge da crocevia per quattro canali che da qui si dipartono per la città, circondandola e attraversandola, detti Sant'Agostino, Borgo, San Pietro e Salara. Di fronte al ponte si colloca l'antica Pescheria. 
Più avanti si trova il cosiddetto Ponte degli Sbirri, poiché eretto a fianco delle prigioni nel '600.
Lunco i canali si dipanano molti ristorantini che offrono tutti il prodotto tipico l'anguilla marinata, sena tralasciare frutti di mare, pasta, pane ferrarese e fritti.
9/3/2016

Contenuti


↑ Top ↑

G+ FB TW whatsapp

ENTRA





Perchè

Nelle giornate di sole, anche invernali, è difficile rinunciare ad una scampagnata ma se si ha una giornata libera e non sapete dove andare o non si vuole spendere molto? Questa sezione del sito vuole offrire all'internauta la possibilità di condividere luoighi e/o esperienze. Chiunque può partecipare iscrivendosi ed inserendo un luogo, un posto, un monumento, un itinerario che vale la pena visitare.

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito.