CHIUDI

Filoweb.it
Il lago di Cei


FB TW whatsapp RSS FEED News letter
24/7/2020

Il lago di Cei

Villa Lagarina(tn)


Lago di Cei, una rara perla alpina per fascino e bellezza.

Se si risale la Valdadige in direzione Trento, dopo aver passato la Valvenosta si giunge alla Vallagarina che si sviluppa a sud di Trento, nei pressi della città di Rovereto, e idealmente separa le Prealpi Bresciane da quelle Venete.
In questa valle, all’interno dell’ area protetta di Pran dell’Albi e ad un’altitudine di circa  900 metri, si trova il lago di Cei, circondato da boschi di abeti e faggi, con una variegata vegetazione acquatica dove predominano su tutte le altre piante ninfee e ranuncoli.
L'origine del Lago è dovuta ad una frana staccatasi probabilmente dal Monte Bondone intorno al 200 E.V. e   che nel corso di circa otto secoli ha favorito la formazione del lago. 

Il Lago di Cei presenta un biotopo caratterizzato da  una eccezionale varietà di essenze vegetali e molti animali tipici delle paludi: in effetti, se non fosse per le dimensioni, il lago ricorda molto una palude con le sue ninfee e piante acquatiche. Un percorso pianeggiante (lungo circa 1,5 km e molto semplice da percorrere) circonda il lago. Una volta completato il perimetro si aprono al turista curioso una serie di varie escursioni, più o meno impegnative, che si dipanano tra i boschi della zona.

In queste escursioni si possono ammirare una grandissima varietà di fiori (se la stagione è quella giusta), e i sentieri nei boschi sono ben segnati tanto che risulta molto difficile il perdersi. 
Per chi si sentisse più avventuroso,  è presente il “Nordic Walking Park”, composto da tre percorsi con diversa difficoltà e lunghezze che variano dai 7 ai 10 km con dislivelli da 0 a 100 metri.
Il bosco riserva anche diverse sorprese e curiosità sulla vita delle genti di montagna nei tempi passati come, ad esempio, le calchere, antichi forni che avevano lo scopo di creare la calce. Questi forni erano strutture di sassi squadrati e resistenti al calore; una volta riempiti di legname e rocce calcaree li si accendeva e si continuava ad alimentarli fino al raggiungimento di una temperatura di 800°-1000° C, quando la roccia calcarea perde l’anidride carbonica e si trasforma in calce viva. Visto che una volta raffreddata la calce doveva essere trattata con l’acqua questa zona ( ricordiamo che le Prealpi sono formate principalmente da rocce calcaree) si prestava alla presenza di questo tipo di attività.
Un'altra escursione permette di raggiungere la Malga Cimana e da qua proseguire fino alla chiesa di romanica di San Martin in Trasiél risalente all’anno 1000.
Nei vari sentieri tra i boschi è facile imbattersi in diversi capitelli e croci, segno tangente della religiosità che da sempre accomuna le genti di questi luoghi.
Sempre nei pressi del lago si può visitare la “Chiesetta de Probizer”, una piccola chiesetta dedicata a S. Maria Assunta che venne fatta costruire in stile neogotico da Francesco de Probizer negli anni tra il 1890-1891.

Per chi si trovi nei pressi di Trento e non lo abbia mia visto, una gita al lago di Cei è consigliata: questo piccolo e silenzioso specchio lacustre, incastrato in un fitto bosco, non fatica a svelare il suo fascino.
    Gallery
FB TW whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.
FILOWEB.it Luoghi da visitare per un weekend o per una semplice gita fuori porta, Veneto, Emilia Romagna, Trentino, Umbria, il Lago di Garda, I Sassi di Rocca Malatina, Il lago della Ninfa, Il lago di Loppio, borghi e città murate, e molti altri posti interessanti