Filoweb.it

Assistenti vocali e privacy

FB TW Pinterest whatsapp RSS FEED News letter
6/10/2019

Assistenti vocali e privacy

La mancata consapevolezza dell’uso della tecnologia a volte ci porta a perdere alcuni diritti fondamentali che abbiamo guadagnato come quello alla privacy.
Non è insolito, quando un comune decide di installare delle telecamere di videosorveglianza in una via o in una zona di una qualche città vedere la nascita di comitati contrari che si battono in nome della difesa della privacy dei cittadini. Non meraviglia poi vedere quelle stesse persone che fanno parte dei comitati "dettare" un promemoria o un messaggio da inviare al loro assistente vocale o, una volta rientrate a casa, dire: "Alexa - o Cortana, o google- fammi ascoltare della musica".
Che relazione c’è tra le due azioni? Possiamo dire che entrambe sono un accesso alla nostra privacy, ma mentre nel caso delle telecamere il loro uso è regolamentato da leggi e il loro scopo è quello di una maggior tutela del cittadino, nel caso degli assistenti vocali, invece, non vi è alcuna regolamentazione specifica (se non quella generica sull’uso dei dati personali) e lo scopo è quello di fornirci un servizio personale.
Quello degli assistenti vocali non è un fenomeno nuovo anche se solamente negli ultimi anni ha iniziato a svilupparsi e ad essere veramente funzionale, grazie al miglioramento delle tecnologie di Machine learning e delle intelligenze artificiali.
A memoria di chi scrive già alla fine degli anni ’90 del secolo passato si iniziavano a vedere i primi programmi che permettevano di controllare il computer tramite la voce, aprire chiudere i programmi, dettare una mail, leggere un testo, prendere appuntamenti nel calendario ricordandoli e molto altro ancora. Uno dei primi software a funzionare nei computer domestici fu messo in commercio nel 1997 dalla Dragon System con il nome di "Dragon Naturally Speaking" ed era uno dei più sofisticati programmi di controllo del computer tramite l’uso di un linguagio naturale; la stessa Microsoft nella beta del sistema operativo WindowsNT5 (che poi diventerà windows 2000) aveva preinstallato un assistente vocale che si attivava tramite “Hey computer!” seguito dal comando. Ad esempio si poteva dire "Hey computer! start running word" ed il computer faceva partire il programma word.
Il problema di questi programmi era che avevano bisogno di molto tempo per "imparare" a capire la voce di chi parlava ed i comandi che venivano invocati, oltre a necessitare di molte risorse delle macchine sulle quali giravano.
Oggi ogni smartphone è dotato di assistente vocale, i computer dotati di windows10 hanno anche loro un loro assistente vocale chiamato Cortana, mentre le grandi compagnie del web sviluppano i loro assistenti che si integrano con i device di casa senza bisogno di un classico computer, come ad esempio Amazon Echo, o Google Home.
La prima azienda che nel secondo decennio del nuovo millennio diede un importante contributo alla rinascita degli assistenti vocali ed alla loro evoluzione è stata la Apple che nel 2011 lanciò Siri che ancora oggi è parte integrante dei dispositivi dell’azienda di Cupertino.
La principale differenza tra Siri (così come di tutti i moderni assistenti vocali) ed i programmi della generazione precedente è che la nuova generazione lavora tramite connessione internet in remoto: i comandi non vengono più elaborati dal processore della macchina sulla quale gira l’assistente vocale, ma la voce viene inviata ad un server remoto che la elabora e rimanda all’assistente il comando relativo alla richiesta. In questo modo il dispositivo che viene usato dell’utente diventa un semplice terminale e tutto il carico di lavoro viene relegato ai server, così si può anche evitare il tedioso passaggio del machine learning che viene già eseguito a monte.
Ma la sola intelligenza artificiale presente sui server ed il processo di machine learning dovuto a centinaia di migliaia di utenti che ogni giorno comunicano con il proprio assistente virtuale è sufficiente a creare quella interazione uomo macchina che permette di controllare una casa smart o sviluppare tutte quelle funzioni che offrono Alexa, Ok Google, Cortana e Siri senza sbagliare? Forse no!
Un reportage realizzato dalla televisione pubblica belga Vrt Nws ha messo in luce che Google, Apple e Amazon, con la scusa di migliorare i servizi offerti dagli assistenti vocali, hanno spiato la propria utenza attraverso gli stessi assistenti.
Il canale televisivo Vrt Nws sarebbe entrato in possesso di alcune conversazioni registrate "accindentalmente" senza che venisse attivato l’assistente vocale google piene di dati personali e dati sensibili come i discorsi fatti all’interno di un’ignara famiglia o quelli di un utente che parla della sua vita sentimentale. Il fatto inquietante è che non solo i dipendenti di google hanno accesso alle conversazioni ma anche le aziende partner per permettere di comprendere meglio gli ordini degli utenti. Dal canto suo l’azienda di Mountain View si è giustificata dicendo che "solo lo 0,2% di tutte le registrazioni è accessibile a chi lavora per Google e che i file audio sono comunque privi di informazioni che permettono di identificare l’utente". Mentre l’inchiesta della televisione belga era principalmente incentrata su google, un’ inchiesta del Guardian rivela che un processo analogo è operato anche da Apple tramite Siri e da Amazon tramite Alexa; Bloomberd, invece, racconta come Amazon tramite persone che lavorano anche nove ore al giorno in tutto il mondo e team di aziende appaltatrici che vanno dagli Stati Uniti alla Romania, dall’ India al Costarica, ascolta le registrazioni vocali catturate dai dispositivi Echo, le trascrive, le annota e quindi le inserisce nel software per eliminare le lacune nella comprensione del linguaggio umano da parte di Alexa e aiutarlo a rispondere meglio ai comandi.
Anche Amazon, come Google si è difesa dicendo che il campione di audio che viene ascoltato è molto limitato: "Abbiamo rigorose garanzie tecniche e operative e una politica di tolleranza zero per l'abuso del nostro sistema. I dipendenti non hanno accesso diretto alle informazioni che possono identificare la persona o l'account. Tutte le informazioni sono trattate con alta riservatezza".
In questo contesto non è facile capire se venga o meno violata la privacy dei proprietari dei dispositivi incriminati, ma, sicuramente, la faccenda ha preoccupato il garante della privacy di Amburgo che ha imposto una pausa temporanea alla pratica di 3 mesi a Google e suggerito agli altri big del settore di fare lo stesso, fino a quando non saranno concluse le indagini avviate riguardo l’uso che viene fatto dei dati raccolti: "L’uso di assistenti vocali automatici da parte di provider come Google, Apple e Amazon - evidenzia l’Autority - prova l’elevato rischio per la privacy delle persone coinvolte".
Questa pratica, comunque non è appalto esclusivo degli assistenti vocali. Anche l’azienda Facebook, si è scoperto, tendeva a trascrivere i messaggi audio delle conversazioni degli utenti della chat "messanger" e non è escluso che lo stesso sia stato fatto per whatsapp.
Quando si decide di utilizzare una tecnologia che non sempre è sotto il nostro controllo bisogna sempre considerare la possibilità di dover rinunciare a una parte, più o meno grande, della nostra privacy.
Ma il prezzo che stiamo pagando è giusto?
La risposta la sapremo solo in futuro

Potrebbe interessarti...

Deontologia nei social: obbligo o scelta?

Siti web ikea vs artigianali

Vivere senza Wikipedia

Whatsapp non deve essere l'alternativa ai classici SMS

Possibili trend per il web nel 2019

Coding nelle scuole: il bambino impara a pensare.

Quando l'antivirus non basta.

Bulbi di tulipano o vera opportunità?

FB TW Pinterest whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito.
FILOWEB.it Piccolo Web Magazine amatoriale per esprimere idee su vari argomenti di informatica, tablet, Windows Phone, Amiga computer, Shodan, Facebook e social network, Bufale online, Chatbot, video verticali, polarizzazioine del web e molti altri argomenti interessanti.