Filoweb.it
By Filippo Brunelli


FB TW Pinterest whatsapp RSS FEED News letter

  ► Ricette

PRIMO PIATTO
Spaghetti-con-i-gamberoni-al-mojito Spaghetti con i gamberoni al mojito
Dosi e ricetta per 2 persone.
Pulire i gamberoni e sgusciarli ( tenerne 2 per con il carapace per decorare), quindi metterli a marinare per almeno 1 ora i gamberoni con il lime, la cachaca e la menta a pezzetti; la quantità di menta dipende dai gusti.

Mettere a scaldare l’acqua per la pasta e quando bolle buttare gli spaghetti. Mentre si cuoce la pasta mettere a scaldare 1 spicchio d’aglio con l’olio d’oliva, quindi aggiungere i gamberoni e farli rosolare. Aggiungere la marinatura e finire di cuocere i gamberi.
Rimuovere quindi i gamberi e mettere a cuocere, nella stessa padella ed assicurandosi di mantenere la marinatura i pomodorini.
Quando la pasta è pronta, prima di scolarla, aggiungere nella padella calda, insieme ai pomodorini i gamberoni ed in fine la pasta scolata.

Impiattare e servire caldo!

PRIMO PIATTO
Ravioli-di-gamberetti-al-profumo-d-agrumi Ravioli di gamberetti al profumo d'agrumi
Con l'avvicinarsi dell'estate un piatto che rinfrescherà le serate con gli amici: i ravioli di gamberetti al profumo d'agrumi

Per il ripieno:
In una padella mettere a scaldare un cucchiaio di olio d’oliva con 1 spicchio d’aglio.  Quando inizia a soffriggere l’aglio aggiungere i gamberetti (sgusciati), il prezzemolo a piacere, salare e  sfumare con il vino bianco.
Quando saranno cotti tritarli e mettere il tutto a riposare.

Per la pasta
Per preparare la pasta bisogna ricordare che ci vogliono circa 100gr di farina per ogni uovo, in questa ricetta la porzione è per 2 persone quindi abbiamo usato 200gr di farina e due uova.
Mettere la farina"00" sul tavolo o su di una spianatoia formando una fontana, con le dita si crea una cavità simile a un cratere. Si passa poi a spolverare il  tutto con un po’ di sale e ci si sguscia al centro della farina le uova.
Si inizia poi ad incorporare un po’ di farina presa dai bordi del cratere e  si prosegue a lavorare gli ingredienti con le dita fino a quando non si sarà raccolta tutta la farina.
Dopo aver impastato almeno 10 minuti in modo energico si forma una palla, la si  avvolge nella pellicola e la si lascia riposare l'impasto per almeno 10-15 minuti.
Trascorso il tempo si prende l'impasto lo si  appiattisce con le mani per conferirgli una forma a disco e lo  si stende sul tavolo o sulla spianatoia (sempre ben infarinati).
Con l'aiuto di un mattarello partendo sempre dal centro e facendolo scorrere in tutte le direzioni in modo da ottenere una sfoglia dallo spessore uniforme la si spiana. Quando la sfoglia comincia ad allargarsi la si gira, avvolgendola sul mattarello e la si ruota di 90°. 
Continuare a stendere la sfoglia fino a raggiungere lo spessore desiderato. 
Una volta ottenuta una bella sfoglia con l’aiuto di un bicchiere o di uno strumento apposito si ritagliano dei dischi ed al loro centro si depone il ripieno fatto con i gamberetti. Li si richiude avendo l’accortezza di bagnare leggermente i bordi in modo da far aderire bene i due lembi di pasta.

Preparare poi il sugo.
Sia dall’arancio che dal limone togliere delle striscioline di buccia (attenzione a rimuovere il bianco) che andranno ad essere usate come guarnizione nel piatto, quindi si spremono i succhi di entrambi gli agrumi in una bacinella, vi si aggiunge 1 cucchiaio di farina e una presa di sale e si mescola il tutto fino a togliere ogni grumo.
In una padella si mette a sciogliere una noce di burro, quando inizia a friggere si aggiunge il succo degli agrumi e si lascia condensare.
Nel mentre si mette a bollire una pentola d’acqua con del sale grosso e, quando l’acqua bolle, si immergono i ravioli. Cuocerli per 3 o 4 minuti ( o di più nel caso, dipende dallo spessore della sfoglia) quindi, delicatamente, li si estrae dalla pentola e li si mette nella padella con il sugo bello caldo e li si mescola.
Servire accompagnandoli nel piatto con le scorze degli agrumi e, a piacere, con una spruzzata di aceto balsamico



PRIMO PIATTO
Vellutata-funghi-e-speck Vellutata funghi e speck
Cosa c’è di meglio, per finire l’inverno, che una bella vellutata di funghi?
La ricetta è facilissima ed il risultato è un piatto che scalda non solo lo stomaco ma anche l’ambiente.
Per preparare la vellutata bisogna prima di tutto tritare il porro , sbucciare le patate e tagliarle a pezzettini,
pulire i funghi eliminando la parte terrosa dal gambo e lavarli delicatamente sotto l’acqua corrente fredda, quindi tagliarli a fette sottili.
In una pentola mettere a scaldare il brodo.
In una pentola mettere a soffriggere il posso con due cucchiai di olio d’oliva, quindi aggiungere le patate a cubetti e mescolare per insaporite, poi coprire con il brodo.
Intanto in una padella cuocere i funghi con un po' di burro e prezzemolo.
In una padella, mettere a rosolare lo speck tagliato a pezzettini.
Lasciare cuocere le patate, aggiungendo nel caso del brodo se si asciuga troppo, fino a quando non iniziano a disfarsi, aggiungendo sale e pepe.
Quando iniziano a disfarsi le patate aggiungere i funghi ed il latte e lasciare condensare.
Con un frullatore ad immersione frullare il composto fino ad ottenere una vellutata morbida. 
Servire calda aggiungendo i pezzettini di speck e il pane abbrustolito.
PRIMO PIATTO
Risotto-Gamberi-e-Arancia Risotto Gamberi e Arancia

Per prima cosa pulire i gamberi, separando il corpo dalla testa e togliendo il carapace, e rimuovendo il budello incidendo la schiena.
In un bicchiere mescolare il succo dei due aranci con il brandy.
Preparare una pentola con del brodo vegetale e le teste dei gamberi (circa 2 litri).
Filtrare e rimettere a scaldare
In una padella rosolare per qualche minuto, con un filo d'olio, lo scalogno e l'aglio ed i gamberi puliti, aggiungete il riso.
Spruzzate il riso con il brandy ed il succo d'arancia e lasciar evaporare per qualche secondo mescolando, quindi aggiungere il brodo un poco alla volta.
Cuocere per circa 25-30 minuti, quando il riso sarà pronto lasciare riposare per qualche istante e servire caldo.
Note. Si può impiattare con le bucce di arancia tagliate alla julienne


SECONDO PIATTO
Pollo-miele-e-zenzero Pollo miele e zenzero
Tagliare il pollo a bocconcini e porlo in una ciotola.
Aggiungere la salsa di soia, il miele, il succo di limone la paprika e lo spicchio d'aglio.
Grattugiare lo zenzero fresco ( non esagerare perché il sapore è molto forte) e mescolare il tutto. 
Lasciare marinare per 2 ore in frigo ricordandosi di coprire con della pellicola la ciotola.

Togliere il pollo dal frigo e scaldare una padella con un filo d'olio d'oliva, quindi aggiungere il contenuto della ciotola con il sugo di marinatura e cuocere per 10 minuti fino a quando il miele non sarà caramellato.
Se sugo si presenta troppo acquoso rimuovere i pezzetti di pollo e aggiungere un po' di farina per far condensare.
Importante: servire caldo!

PRIMO PIATTO
Spaghetti-alla-carbonara-di-zucchine Spaghetti alla carbonara di zucchine
Ricetta per due persone.
Il sapore delicato delle zucchine si mescola bene con il salato della pancetta.
Scaldare l’acqua e mettere a cuocere gli spaghetti
Per prima cosa tagliare le zucchine alla julienne.
Rompere le due uova in una bacinella, aggiungere il sale ed il pepe, il parmigiano e le zucchine, quindi mescolare bene.
In una padella sciogliere la noce di burro e soffriggere la pancetta.
Quando la pasta sarà pronta scolarla e metterla nella padella con la pancetta a fuoco vivo, mescolare ed aggiungere le uova, mescolare bene.
Servire caldo

Note: se si vuole lasciare la carbonara più morbida aggiungere un dell’acqua di cottura nel sugo e non cuocere troppo  le uova


← Back
Foward →
FB TW Pinterest whatsapp RSS FEED News letter

filoweb.it è il sito personale di Filippo Brunelli
(c) 2017 Filippo Brunelli
Le immagini ed i testi contenuti nel sito filoweb.it sono di proprietà di Filippo Brunelli salvo diversamente indicato.
L'uso delle immagini e del testo è gratuito per uso personale ed è subbordinato alla citazione della fonte.
Brunelli Filippo declina ogni responsabilità per l'uso che viene fatto delle informazioni presenti nel sito filoweb.it.